Archivi categoria: Sistemi Operativi

Nintendo Switch non sarà disponibile con un browser web

Nintendo Switch  non avrà un browser web quando uscirà  il 3 marzo. “Dal momento che tutti i nostri sforzi sono andati a rendere Switch  una straordinaria piattaforma video gioco dedicato, non lo sosterrà, almeno al momento del lancio,” così ha detto il presidente di Nintendo e CEO Tatsumi Kimishima .

Questa non è una cosa  sorprendente – Nintendo ha utilizzato le stesse parole per spiegare il motivo per cui lo Switch, inoltre, non avrà applicazioni per lo streaming video .

Il primo PC della IBM compie 35 anni

ibm_pc_5150Buon compleanno. Trentacinque anni fa, veniva al mondo il primo PC compatto della IBM al prezzo di $ 1565. All’epoca  un entry-level della IBM costava 90.000 $ e sembrava un insime di lavatrice e asciugatrice.

Naturalmente non tutti erano entusiasti di questa nascita. Come l’azienda fa notare nella sua propria storia on-line, uno dei dirigenti di alto livello della società chiese “Perché qualcuno dovrebbe voler prendere un computer a casa ?” Un altro avrebbe detto del progetto, “tutto ciò può essere causa di imbarazzo per IBM.”

Non che non ci fosse già qualche precedente, alcune  aziende come Apple, Commodore e Atari avevano già preso qualche iniziativa, per cui la IBM aveva arruolato il Systems Manager William C. Lowe per creare il prototipo da cui è nato primo PC della società.

Il computer prese il volo con il progetto dal nome “Chess”. Con una mossa insolita la IBM utilizzò alcuni componenti chiave del sistema, tra cui il microprocessore della Intel 8088 a 4.77MHz e il sistema operativo QDOS di Microsoft.

Il 12 agosto, 1981 il 5150 fu svelato al mondo in una conferenza stampa a New York City.  Buon compleanno IBM PC.

È ora possibile inviare file di Dropbox all’interno di Facebook Messenger

messenger-integrationFacebook Messenger offre ora  una integrazione a Dropbox , che consente di inviare foto, video e altri file senza mai lasciare il servizio di messaggistica. È possibile accedere a Dropbox dal pulsanti più di Messenger (il pulsante più a destra nella vista conversazione). Da qui, selezionare Dropbox come fonte, e se hai già eseguito nel servizio di condivisione di cloud, sarete in grado di vedere i file direttamente all’interno di Messenger.

Se si sta inviando un video o un’immagine, si otterrà una anteprima in-line, ma si dovrà tornare alla applicazione Dropbox per qualsiasi altro tipo di file. L’ integrazione è su Android e iOS.

Google Maps per Android ora prevede il vostro tragitto e vi consiglia il percorso

drivingmodePotreste aver notato che Uber ha iniziato a prestare attenzione alle vostre abitudini. Ad esempio, l’applicazione suggerisce spesso l’indirizzo di casa come destinazione ogni volta che chiedete un autista.

Google sta implementando funzionalità simili anche in Google Maps per Android.

In modalità di guida, l’applicazione proporrà l’indirizzo di casa, o quello del lavoro, o ciò che avete recentemente cercato come potenziali destinazioni .. Un po ‘come Google Now, la modalità di guida è completamente attiva, e mostra una mappa con lo stato del traffico sulle strade vicine , e offre vari itinerari per le destinazioni previste.

Naturalmente, gli utenti possono comunque inserire un indirizzo, ma ad ogni inserimento in Google Maps, l’utente darà alla società più informazioni per meglio prevedere la destinazione desiderata in base al giorno della settimana, ora del giorno, ecc

Ad esempio, se un utente va sempre in palestra dopo il lavoro nei giorni feriali, in modalità di guida riconoscerà la tendenza e offrirà indicazioni e informazioni sul traffico per la palestra non appena l’utente inserisce Driving Mode nel parcheggio dell’ufficio.

Gli utenti possono accedere alla modalità di guida all’interno della app di Google Maps, o aggiungere Driving Mode sul loro schermo come una scorciatoia.

Nel corso degli ultimi decenni, la maggior parte del software è principalmente focalizzata sulla raccolta di dati da parte dell’utente sulla base di una query di ricerca e un risultato. Ma dopo anni di raccolta dei dati da parte degli utenti, Google e altre aziende tecnologiche stanno iniziando ad essere sempre più proattive nel modo in cui ciò influenza la nostra vita.

O se non si dispone di una domanda esplicita, Google vuole avere la risposta.

La modalità di guida per Google Maps su Android è solo un piccolo passo verso un cambiamento più grande, ed è facile intuire una futura integrazione con Google Now.

Il Kit di Robotica Lego WeDo 2.0 Insegna Scienza e Ingegneria agli studenti della scuola elementare.

LEGO Education sta lanciando una nuova versione del suo kit di robotica WeDo per gli studenti delle scuole elementari al CES di oggi. Proprio come il suo predecessore, WeDo 2.0 è pensato per introdurre gli studenti alla robotica, ingegneria e programmazione, ma è inteso anche come strumento per insegnare STEM in generale.

Il set sarà disponibile con una serie di mattoncini Lego, ma soprattutto, include un hub Bluetooth a basso consumo che si connette a un motore, così come sensori di movimento e inclinazione che sono tutti parte del pacchetto base. Sul lato software, WeGo utilizza un’interfaccia drag-and-drop per la scrittura di applicazioni di base che possono collegarsi all’hub e ai relativi sensori.

L’hardware è solo una parte della soluzione, però. LEGO offre alle scuole un curriculum con più di 40 ore di lezione che sono costruiti sugli standard scientifici pensati per gli studenti. Alcuni di questi sono progetti di ingegneria di base, come la costruzione di un piccolo camion per una lezione sul riciclaggio, o utilizzare i mattoncini LEGO per insegnare agli studenti le piante e l’impollinazione – un progetto di scienze che non avreste mai associato ai mattoncini LEGO.

L’accesso a questo programma significa un investimento per le scuole, ma il team di LEGO Education dice che ha preso la decisione di venderlo  con una licenza ampia in modo che le scuole che aderiscono possono quindi utilizzarlo in tutte le loro aule.

Il team di LEGO Education dice che allestimento un’aula con abbastanza unità dovrebbe costare circa $ 2000, che dovrebbe includere il costo della licenza del curriculum.

WeDo 2.0 è ora disponibile e il software funziona su PC, Mac, iPad e tablet Android e telefoni. Lego dice che il supporto per Chromebooks, che stanno ottenendo sempre più popolari nelle scuole, arriverà nella seconda metà del 2016.

Traccia l’IP dei tuoi amici online

“IP (Internet Protocol) è l’indirizzo univoco assegnato a ciascun dispositivo che utilizza il protocollo Internet per impostare la comunicazione con Internet”. Ci possono essere molti motivi per i quali potremo essere curiosi di conoscere l’indirizzo IP di un nostro amico o per tracciare un estraneo qualsiasi.
Ci sono tonnellate di script PHP disponibili su Internet che consentono di monitorare l’IP dell’utente fa clic su un collegamento, ma l’unica limitazione è che ha bisogno di un server web e un dominio. Quindi io sono qui per condividere con voi un tracker IP on-line che fa questo lavoro perfettamente.

Come ottenere l’indirizzo IP del tuo amico?

  1. Vai su Blasze IP Logger
  2. Incollare l’URL di qualsiasi sito web in “Enter a URL o Tracking Code“. Per esempio .: “www.google.it”

Blasze1

  1. Clicca su Submit. Blasze genererà un link automaticamente.(Questo URL è l’URL inseguitore di IP)
  2. Dopo la generazione del Link, blasze vi fornirà un “Codice di accesso o codice di monitoraggio (Access Code)”. È necessario copiarlo sul blocco note e salvarlo nel vostro computer.
  3. Date il link generato a chi volete e fategli fare clic sopra. Quando qualcuno ci clicca , il suo indirizzo IP verrà automaticamente catturato e il suo computer andrà all’indirizzo web che avete impostato (nella foto www.google.it).

Blasze2

Ora, è tempo di sapere chi ha cliccato sul link. Basta copiare il “Codice di accesso” da blocco note e andare alla home page di Blasze e incollare il codice di accesso lì.

Blasze3

Fare clic su “Submit”. Verrà visualizzato su “Access Logs” un elenco di indirizzi IP di tutti gli utenti che hanno cliccato sul tuo link, con le loro informazioni del browser da cui hanno cliccato sul tuo link.

Blasze4

Un ulteriore passo potrebbe essere mascherare il link che avete mandato 😉

 

 

Come trasformare il vostro PC con Windows 10 in un hotspot Wi-Fi

windows10-hotspotAvete mai desiderato di condividere la connessione a Internet via cavo con il resto dei vostri dispositivi? Con Windows 10 e una applicazione gratuita, il processo è abbastanza indolore.

Ci sono momenti in cui si potrebbe avere la necessità di convidere la vostra rete cablata con altri dispositivi. Pensate di essere in un hotel – dove spesso si paga in base a dispositivi collegati – o ad una conferenza dove le connessioni possono essere poche.

Grazie ad una applicazione gratuita chiamata Virtual Router tutto questo è possibile.

L’applicazione funziona con Windows 7, Windows 8, Windows Server 12 e Windows 10.

Passo 1: Scaricare e installare l’applicazione
Questo è facile. Basta andare alla pagina Virtual Router scaricare l’applicazione e installarla. Non contiene alcuna bloatware o adware.

Passaggio 2: Configurare la rete

web-edit

Ora compilare il nome della rete che si desidera e la password che si desidera utilizzare. Il nome sarà il nome che sarà visualizzato agli altri dispositivi.Nella foto è stato scelto “FreeWiFi.AndCandy” . Per la password, la sicurezza è WPA2, quindi ha bisogno di almeno 8 caratteri.

Nell’esempio è stato scelto “yourmom69” perché ha lettere e numeri.

Ora, selezionare la connessione che si desidera condividere dal link discesa. A seconda di come si è connessi, la scelta potrebbe essere diversa. Se si è connessi tramite Ethernet, scegliere la connessione Ethernet. Se si è connessi a Internet tramite Wi-Fi, selezionare il dispositivo Wi-Fi.

Fare clic su “Start Virtual Router”

Fase 3: Assicurarsi che la condivisione della connessione è abilitata
wireless-network-connection-edit
Seguendo tutti i passaggi precedenti tutto dovrebbe procedere tranquillamente, ma se si presenta qualche problema, assicurarsi che le condivisioni siano abilitate.

Per fare questo, prima ricerca nel menu Start per “Visualizza connessioni di rete.” Trova la connessione che si desidera condividere (Ethernet o Wi-Fi) e fare clic destro sul dispositivo. Scegliere “Proprietà”.

Nel campo “Proprietà”, osservare la scheda “Condivisione” e assicurarsi che la casella “Consenti ad altri utenti in rete di collegarsi tramite la connessione Internet di questo computer” sia selezionata.

Ora si dovrebbe essere pronti per partire.

Passo 4: Collegamento da un altro dispositivo
mash-wifi-edit
Una volta che tutto è configurato correttamente, è possibile connettersi al nuovo hotspot WiFi del tuo computer portatile, come al solito. Il nome della rete dovrebbe comparire. Basta selezionare e inserire la password.

L’applicazione Virtual Router mostrerà i computer che si connettono quando l’applicazione è in uso. Verrà visualizzato l’indirizzo IP del dispositivo e il suo indirizzo MAC.

Fase 5: Interrompere l’applicazione quando hai finito

Quando hai finito la condivisione di Internet – o è necessario spostare in un’altra posizione – basta cliccare su “Interrompere Virtual Router.”

Trent’anni fa faceva la sua comparsa Windows 1.0

Windows1.0_screenshotTrent’anni fa,era il 1985, Microsoft rilasciava la versione 1.0 della sua nuova shell grafica chiamata Windows. Molto è stato scritto su come Microsoft sia stato copiato dal Macintosh e Lisa, e come a sua volta Apple aveva copiato da Xerox.

La cosa che possiamo dire con certezza è che da quel momento l’uso del computer  “non fu più lo stesso”, tranne che per i primi anni, perché Windows 1.0 non ebbe il successo aspettato. Ad esempio, non permetteva di sovrapporre le finestre – che venne con la versione di  Windows 2.0 (allora conosciuta come Windows / 286 e Windows / 386). All’inizio era soltanto un isieme di piastrelle sullo schermo. E come molte ricorderanno, Windows ancora necessitava del  DOS per l’esecuzione, e il o DOS era il sistema operativo per IBM-PC e compatibili in momento. (Questo fu vero anche per le versioni successive fino a Windows 95.)

Windows 1.0 richiedeva un minimo di 256K della memoria, due dischi floppy a doppia faccia , e una scheda grafica, mentre Microsoft consigliava un disco rigido e uma memoria di 512K, soprattutto per i computer con DOS 3.0 o superiore.

Windows 1.0

Windows1.0_screenshot

A quel tempo, i PC IBM con sistema operativo Microsoft DOS erano in giro già da quattro anni;i loro proprietari avevano abbastanza familiarità con il prompt C: e la creazione di file CONFIG.SYS e AUTOEXEC.BAT. Windows 1.0 fu il tentativo di Microsoft di una interfaccia utente amichevole basata sull’uso del mouse, che permetteva di passare tra più programmi contemporaneamente, e senza dover chiudere e riavviare nessuno di loro. Ammonta a ciò che è noto come il multitasking cooperativo, dove tutti i programmi in esecuzione in memoria dovrebbero cooperare per l’utilizzo del processore. L’interfaccia contiene menu a discesa, icone colorate, e le barre di scorrimento, mentre le finestre di dialogo potrebbero essere dei pop-up e dare informzioni di sistema.

Windows 1.0

Quindi Windows 1.0 , incentrato su l’esecuzione dell’MS-DOS , conteneva al suo interno una serie di utility progettate per rendere la vita più facile, tra cui programma di disegno , un blocco note, una calcolatrice, un file manager, e un calendario. Inoltre viene fornito con Reversi; Solitaire non comparve fino alla versione di Windows 3.0. E c’era anche un orologio perchè non metterne uno sul display invece che sulla scrivania? Tuttavia, non c’era molto altro che si poteva fare all’interno di Windows 1.0, Microsoft Office doveva ancora essere rilasciato e c’erano pochi altri programmi compatibili disponibili.

Windows 2.0

Windows_2.0_desktop

In ogni caso, Windows 1.0 non ebbe successo, così Microsoft si mise subito al lavoro su una nuova versione che mise sul mercato nel dicembre 1987 chiamata Windows 2.0 . Questa supportato memoria espansa su macchine 386 processore , oltre alle suddette finestre sovrapposte. Queste ultime furono quelle che portarono Apple a citare in giudizio Microsoft, relativamente alla violazione del copyright.

Windows 3.0

windows-3.0-desktop

Ma fu dal rilascio di Windows 3.0 nel 1990 che Microsoft iniziò a fare sul serio – e 3.0 è stata la prima versione che veramente ha decollato nelle vendite, in particolare con il rilascio di Microsoft Office nel novembre 1990 e l’aggiornamento di Windows 3.1 in 1992. Microsoft afferma che Windows 3.0 ha venduto 10 milioni di copie nei primi due anni, grazie alla sua grafica migliorata, memoria virtuale e ristrutturato del Program Manager, File Manager, Print Manager.

Da lì, Windows 95, NT, e il resto è storia. Ma era un giorno esatto di 30 anni fa, che  Microsoft fece il primo passo nelle interfacce grafice. E indipendentemente da chi copiò che cosa, Windows e Mac rivoluzionarono il mondo del desktop computing, e fino ad oggi centinaia di milioni di macchine sono sulle nostre scrivanie con una interfaccia che ricalca piu .

Microsoft apre all’Open Source

microsoft-open-sourceMicrosoft questa settimana ha annunciato in occasione della conferenza di collegamento a New York un ampliamento dei suoi strumenti di sviluppo con un focus su Linux, Android e open source. La mossa è un tentativo di contribuire a colmare il divario tra le piattaforme di sviluppo Microsoft e il mondo open source. I programmi includono l’accesso gratuito per gli sviluppatori che stanno per iniziare, gli aggiornamenti di .NET e la ridenominazione di Visual Studio Online.

Ubuntu Studio un tesoro per tipi creativi

ubuntuUbuntu Studio 15.10 è un  sistema operativo Linux rivolto alla maggior parte delle persone creative. Contiene una gamma quasi completa di applicazioni multimediali di creazione di contenuto per i flussi di lavoro che coinvolgono audio, grafica, video, fotografia e l’editoria.

Gli sviluppatori descrivono questa distro come un hub multimediale di creazione di contenuti per tutti i cinque i flussi di lavoro creativi. L’ultimo elemento – il publishing – è l’anello più debole.

È possibile installare strumenti per la pubblicazione di libri dalla repo utilizzando il Software Center, ma non troviamo le stesse quantità di software disponibili per gli altri flussi di lavoro.

Le applicazioni editoriali preinstallate sono LibreOffice Writer e Scribus Desktop Publisher. Calibre, un popolare strumento per lavorare con e-book, è disponibile al download.

La soluzione migliore sarebbe avere un insieme di strumenti per la pubblicazione in bundle disponibile come add-on dal menu principale.

Cosa c’è dentro

A parte questa mancanza, Ubuntu Studio offre agli utenti creativi una collezione di alcuni dei migliori software per la creazione e l’editing multimediale disponibili per Linux.

Ubuntu Studio è un sottoprogetto ufficiale di Ubuntu. L’ultima versione, pubblicato il mese scorso, è basata su Ubuntu 15.10, alias Wily Werewolf. Il suo software preinstallato comprende le applicazioni multimediali più comuni gratuite disponibili ed è configurato per ottenere prestazioni ottimali per ciascuna delle sue specialità..

Questa è una versione di transizione che sarà supportata per nove mesi. Ha un sacco di aggiornamento dell’applicazione in termini di quadro Debian.

Il cambiamento più evidente è il principale elenco delle categorie del menu, che è stato compattato da cinque categorie a tre: produzione audio, Graphic Design e produzione video. Il menu ha ancora molte altre categorie, come Internet, Accessori, Media Playback e Office, e una manciata di titoli software non categorizzati e i comandi del sistema.

Suona meglio

La categoria Audio Production è ricco di applicazioni di produzione audio e di editing. Applicazioni di riproduzione includono gli strumenti audio tipici disponibili in molte distribuzioni Linux e poi alcuni. Ubuntu Studio ti dà molto di più di una scelta per numerosi compiti. Gli strumenti di produzione audio sono ancora più ampie.

Ad esempio, si ottiene diversi sottomenu con strumenti di qualità professionale per gli effetti sonori, strumenti, Midi Utilità, miscelatori e controlli delle carte. Poi nel menu principale Audio offre Ardour 4, Audacity, Brasero, idrogeno, Internet DJ Console e molto altro ancora.

La scelta è ampia e combina strumenti per la strumentazione individuale, così come applicazioni per l’editing di file multimediali e la masterizzazione dei media. Il bundle comprende alcune delle migliori applicazioni audio nel Marketplace di Linux.

Ad esempio, LMMS è uno strumento di produzione musicale di base . MuseScore permette di creare, riprodurre e stampare fogli di musica. Petri-Foo è un campionatore suono. Pure Data è un flusso di dati piattaforma di programmazione multimediale visivo.

Sight and Sound

La categoria Video Production ha un po ‘meno da offrire, ma è ancora una collezione degna di applicazioni che vanno da dilettante attraverso quasi offerte pro-classe.

Ad esempio, Blender consente di lavorare con la modellazione 3-D, animazione, rendering e strumenti di postproduzione in un unico luogo. Gli sviluppatori devono pensare questa applicazione è un vero vincitore poiché comprendono nel menu Graphic Design.

DVDStyler è uno studio di produzione video DVD. Si può fare l’editing video non lineare con Kdenlive. È possibile creare e modificare i propri filmati con Pitivi o utilizzare OpenShot per creare e modificare i video.

Xjadeo è un semplice editor di video che sincronizza audio dal trasporto presa. RecordMyDesktop ti permette di fare proprio questo facendo una registrazione video di tutto quello che fate sul vostro desktop. Questo è un modo pratico per documentare visivamente un how-to argomento.

Photo Finish Finesse

Buono come gli strumenti di produzione audio sono in questa distro, la compilazione Graphic Design è ancora più impressionante. Ubuntu Studio ha una collezione impressionante di fotografia e di produzione grafica pacchetti che mettono più altri menu di specialità distro di vergogna.

Ad esempio, la sua fotografia sottomenù comprende Darktable per organizzare e sviluppare le immagini da fotocamere digitali. Entangle consente di lavorare con il controllo della telecamera e l’immagine cattura da una disposizione testamentaria tethered. Phatch Ispettore immagine è uno strumento per guardare metadati EXIF ​​e IPTC.

Altri titoli rendono facile e veloce per scaricare foto e video da dispositivi di archiviazione esterni e schede di memoria mobili. RawTherapee è un programma di sviluppo fotografico avanzato.

Ubuntu Studio include una manciata di strumenti di editing in questa categoria che meglio riempire il componente di publishing mancante. Ad esempio, due programmi per l’editing e la gestione dei font – FontForge e Font Manager – sono inclusi, insieme con il layout di pagina e la pubblicazione app Scribus.

Diverse applicazioni per l’editing e la creazione di immagini vettoriali e le immagini digitali della pittura si mescolano nel menu Graphic Design. Questi includono Krita, Inkscape, MyPaint e editor di immagini GIMP.

Usabilità Topnotch

La comunità di Ubuntu Studio eluso Ubuntu Unity ambiente desktop di default in favore del classico Xfce. Questa scelta rende Ubuntu Studio un’opzione invitante sia per i professionisti creativi esperti e neofiti di Linux.

Ubuntu Studio XFCE del desktop
Ubuntu Studio utilizza un classico Xfce. Il suo menu principale, tuttavia, offre un elenco un’applicazione poco organizzate.
Il desktop Xfce è veloce e facile da usare. La sua reputazione per le richieste hardware leggero lo rendono adatto alla maggior parte delle situazioni di elaborazione.

Un pannello completamente funzionale a cavallo nella parte superiore dello schermo e mantiene i display di notifica previsti sul lato destro e il pulsante menu principale nell’angolo sinistro. Lo switcher desktop virtuale è preconfigurato ed è facilmente regolabile.

Un secondo pannello è preconfigurato a scivolare in un accesso alla parte inferiore dello schermo. Si tratta di un secondo pannello completamente funzionale standard che è impostato per assomigliare un’applicazione molo o preferiti bar. E ‘facilmente riconfigurabile per soddisfare le preferenze dei singoli utenti.

Ubuntu Studio Pannello preferiti scomparsa
Ubuntu Studio manca una galleria background artistico, ma ha un utile pannello preferiti scomparsa.
Pulsante destro del mouse in qualsiasi punto del desktop per aprire un menu per lanciare le applicazioni e accedere alle varie impostazioni di sistema e le proprietà del desktop.

Bottom Line

Ubuntu Studio 15.10 è un solido gateway per gli appassionati d’arte e gli utenti professionali che entrano nel mondo Linux. Si rivolge più alle specialità grafiche e audio, ma gli autori e produttori di pubblicazioni hanno un affidabile sistema operativo Linux per aggiungere gli strumenti necessari per completare il mozzo creatività.

Ubuntu Studio è una distribuzione Linux provato che è strettamente allineata con uno dei più riusciti Ubuntu spin-off release. Anche da una piattaforma informatica per gli utenti non creative, Ubuntu Studio può essere una buona scelta.