Google Concesso brevetto che consente alle auto a guida automatica di interagire con i pedoni

Un sacco di persone sarebbero felici di salire in una macchina un giorno e leggere le email ,tweet ecc. mentre l’auto vi porta al lavoro. Sarebbe bello ridurre l’ansia che sentiamo tutti durante i nostri spostamenti quotidiani, così come mantenere le strade più sicure. Il progetto di auto-guida di Google è in testa al gruppo, e un brevetto gli è stato recentemente concesso: segnale che la società sta cercando di far fuori alcuni dei problemi che hanno dovuto affrontare con (brevetto # US009196164, 11/24/15) ha concesso come pedoni e altri piloti interagiscono con loro per le strade.

Il brevetto in sostanza:

screen-shot-2015-11-30-at-11-03-46-am

Aspetti del brevetto si riferiscono  a notificare ad un pedone le intenzioni dell’auto a guida automativa. Ad esempio, il veicolo può comprendere trmite i sensori che rilevano un oggetto come un pedone o tentativo per attraversare la carreggiata anteriore del veicolo. Il computer del veicolo può quindi determinare il modo corretto di rispondere al pedone. Ad esempio, il computer può stabilire che il veicolo deve fermarsi o rallentare, o se fermarsi è sicuro . Il veicolo può quindi fornire una notifica al pedone di ciò che la vettura sta facendo. Ad esempio, il veicolo può utilizzare un segnale elettronico o luci, un altoparlante per fornire notifiche acustiche, etc.

Quindi, fondamentalmente, se una macchina a guida automatica dovesse ottenere il segnale verde di via libera e sta per procedere in avanti, potrebbe far lampeggiare un segnale di stop sul lato destro per avvisare  pedoni di non attraversare. I pedoni, dopo tutto, hanno sempre il diritto di precedenza.

Come potrà la tecnologia prevenire un altro “Parigi”.

1-img170x105Qualcono di voi ha mai sentito parlare di Watson? Watson è il nuovo supercomputer che prende il nome dal fondatore di IBM. È stato sviluppato da un team IBM deciso a vincere una grande sfida: costruire un sistema in grado di competere con la capacità, squisitamente umana, di rispondere con sicurezza, velocità e precisione a domande formulate in linguaggio naturale, cioè la lingua parlata, ricca di sfumature, modi di dire e metafore.
Per Watson sono state sviluppate oltre 1.000 tecniche algoritmiche per la raccolta e la valutazione di dati strutturati e non. E per provare le sue capacità, Watson è stato allenato per partecipare contro concorrenti umani a Jeopardy!, il più popolare quiz TV americano. In un primo momento Watson ha impiegato due ore per rispondere a una sola domanda di Jeopardy! Allora gli esperti di IBM lo hanno potenziato affiancandolo con una imponente piattaforma di sistemi POWER7, gli stessi sistemi ad alte prestazioni utilizzati dai clienti di IBM. Durante i tre giorni di gara, Watson è stato capace di battere sul tempo Brad Rutter e Ken Jennings i campioni storici di Jeopardy! e vincere.

Quello che trovo interessante è che nonostante tutti i mezzi che ha l’intelligence per violare la nostra privacy, non è stato in grado di fermare gli attacchi come quello di Parigi. Attualmente si lamentano che è colpa nostra che utilizziamo mezzi di trasmissione che incrementanto la crittografia che blocca i loro punti di vista, spesso illegali nella vita privata dei cittadini.

Penso che se anche la crittografia non esistesse, i mezzi sarebbero inefficaci. Tornando indietro all’11 settembre, non c’è stata mancanza di intelligence  ma piuttosto prendere una decisione tempestiva prima che  l’evento accada.

Il nostro sistema è impostato in gran parte per punire le persone dopo che vengono fatti i crimini  – non prima che vengano commessi. Questa mentalità dovrà cambiare se vogliamo veramente la sicurezza. Un’altra cosa che sarà necessario modificare è la separazione tra i cittadini e forze dell’ordine. Invece di essere trattati come siamo parte del problema, dobbiamo diventare parte della soluzione, e credo che ci potrà essere in futuro un’app per questo.

Anche se tutto questo può richiamare le sequenze fantascientifiche del  film Minority Report non è detto che grazie a sistemi come Watson installati sui nostri cellulari, non si potrà un giorno diventare parte attiva nell’individuare potenziali criminali.

 

Microsoft apre all’Open Source

microsoft-open-sourceMicrosoft questa settimana ha annunciato in occasione della conferenza di collegamento a New York un ampliamento dei suoi strumenti di sviluppo con un focus su Linux, Android e open source. La mossa è un tentativo di contribuire a colmare il divario tra le piattaforme di sviluppo Microsoft e il mondo open source. I programmi includono l’accesso gratuito per gli sviluppatori che stanno per iniziare, gli aggiornamenti di .NET e la ridenominazione di Visual Studio Online.

Ubuntu Studio un tesoro per tipi creativi

ubuntuUbuntu Studio 15.10 è un  sistema operativo Linux rivolto alla maggior parte delle persone creative. Contiene una gamma quasi completa di applicazioni multimediali di creazione di contenuto per i flussi di lavoro che coinvolgono audio, grafica, video, fotografia e l’editoria.

Gli sviluppatori descrivono questa distro come un hub multimediale di creazione di contenuti per tutti i cinque i flussi di lavoro creativi. L’ultimo elemento – il publishing – è l’anello più debole.

È possibile installare strumenti per la pubblicazione di libri dalla repo utilizzando il Software Center, ma non troviamo le stesse quantità di software disponibili per gli altri flussi di lavoro.

Le applicazioni editoriali preinstallate sono LibreOffice Writer e Scribus Desktop Publisher. Calibre, un popolare strumento per lavorare con e-book, è disponibile al download.

La soluzione migliore sarebbe avere un insieme di strumenti per la pubblicazione in bundle disponibile come add-on dal menu principale.

Cosa c’è dentro

A parte questa mancanza, Ubuntu Studio offre agli utenti creativi una collezione di alcuni dei migliori software per la creazione e l’editing multimediale disponibili per Linux.

Ubuntu Studio è un sottoprogetto ufficiale di Ubuntu. L’ultima versione, pubblicato il mese scorso, è basata su Ubuntu 15.10, alias Wily Werewolf. Il suo software preinstallato comprende le applicazioni multimediali più comuni gratuite disponibili ed è configurato per ottenere prestazioni ottimali per ciascuna delle sue specialità..

Questa è una versione di transizione che sarà supportata per nove mesi. Ha un sacco di aggiornamento dell’applicazione in termini di quadro Debian.

Il cambiamento più evidente è il principale elenco delle categorie del menu, che è stato compattato da cinque categorie a tre: produzione audio, Graphic Design e produzione video. Il menu ha ancora molte altre categorie, come Internet, Accessori, Media Playback e Office, e una manciata di titoli software non categorizzati e i comandi del sistema.

Suona meglio

La categoria Audio Production è ricco di applicazioni di produzione audio e di editing. Applicazioni di riproduzione includono gli strumenti audio tipici disponibili in molte distribuzioni Linux e poi alcuni. Ubuntu Studio ti dà molto di più di una scelta per numerosi compiti. Gli strumenti di produzione audio sono ancora più ampie.

Ad esempio, si ottiene diversi sottomenu con strumenti di qualità professionale per gli effetti sonori, strumenti, Midi Utilità, miscelatori e controlli delle carte. Poi nel menu principale Audio offre Ardour 4, Audacity, Brasero, idrogeno, Internet DJ Console e molto altro ancora.

La scelta è ampia e combina strumenti per la strumentazione individuale, così come applicazioni per l’editing di file multimediali e la masterizzazione dei media. Il bundle comprende alcune delle migliori applicazioni audio nel Marketplace di Linux.

Ad esempio, LMMS è uno strumento di produzione musicale di base . MuseScore permette di creare, riprodurre e stampare fogli di musica. Petri-Foo è un campionatore suono. Pure Data è un flusso di dati piattaforma di programmazione multimediale visivo.

Sight and Sound

La categoria Video Production ha un po ‘meno da offrire, ma è ancora una collezione degna di applicazioni che vanno da dilettante attraverso quasi offerte pro-classe.

Ad esempio, Blender consente di lavorare con la modellazione 3-D, animazione, rendering e strumenti di postproduzione in un unico luogo. Gli sviluppatori devono pensare questa applicazione è un vero vincitore poiché comprendono nel menu Graphic Design.

DVDStyler è uno studio di produzione video DVD. Si può fare l’editing video non lineare con Kdenlive. È possibile creare e modificare i propri filmati con Pitivi o utilizzare OpenShot per creare e modificare i video.

Xjadeo è un semplice editor di video che sincronizza audio dal trasporto presa. RecordMyDesktop ti permette di fare proprio questo facendo una registrazione video di tutto quello che fate sul vostro desktop. Questo è un modo pratico per documentare visivamente un how-to argomento.

Photo Finish Finesse

Buono come gli strumenti di produzione audio sono in questa distro, la compilazione Graphic Design è ancora più impressionante. Ubuntu Studio ha una collezione impressionante di fotografia e di produzione grafica pacchetti che mettono più altri menu di specialità distro di vergogna.

Ad esempio, la sua fotografia sottomenù comprende Darktable per organizzare e sviluppare le immagini da fotocamere digitali. Entangle consente di lavorare con il controllo della telecamera e l’immagine cattura da una disposizione testamentaria tethered. Phatch Ispettore immagine è uno strumento per guardare metadati EXIF ​​e IPTC.

Altri titoli rendono facile e veloce per scaricare foto e video da dispositivi di archiviazione esterni e schede di memoria mobili. RawTherapee è un programma di sviluppo fotografico avanzato.

Ubuntu Studio include una manciata di strumenti di editing in questa categoria che meglio riempire il componente di publishing mancante. Ad esempio, due programmi per l’editing e la gestione dei font – FontForge e Font Manager – sono inclusi, insieme con il layout di pagina e la pubblicazione app Scribus.

Diverse applicazioni per l’editing e la creazione di immagini vettoriali e le immagini digitali della pittura si mescolano nel menu Graphic Design. Questi includono Krita, Inkscape, MyPaint e editor di immagini GIMP.

Usabilità Topnotch

La comunità di Ubuntu Studio eluso Ubuntu Unity ambiente desktop di default in favore del classico Xfce. Questa scelta rende Ubuntu Studio un’opzione invitante sia per i professionisti creativi esperti e neofiti di Linux.

Ubuntu Studio XFCE del desktop
Ubuntu Studio utilizza un classico Xfce. Il suo menu principale, tuttavia, offre un elenco un’applicazione poco organizzate.
Il desktop Xfce è veloce e facile da usare. La sua reputazione per le richieste hardware leggero lo rendono adatto alla maggior parte delle situazioni di elaborazione.

Un pannello completamente funzionale a cavallo nella parte superiore dello schermo e mantiene i display di notifica previsti sul lato destro e il pulsante menu principale nell’angolo sinistro. Lo switcher desktop virtuale è preconfigurato ed è facilmente regolabile.

Un secondo pannello è preconfigurato a scivolare in un accesso alla parte inferiore dello schermo. Si tratta di un secondo pannello completamente funzionale standard che è impostato per assomigliare un’applicazione molo o preferiti bar. E ‘facilmente riconfigurabile per soddisfare le preferenze dei singoli utenti.

Ubuntu Studio Pannello preferiti scomparsa
Ubuntu Studio manca una galleria background artistico, ma ha un utile pannello preferiti scomparsa.
Pulsante destro del mouse in qualsiasi punto del desktop per aprire un menu per lanciare le applicazioni e accedere alle varie impostazioni di sistema e le proprietà del desktop.

Bottom Line

Ubuntu Studio 15.10 è un solido gateway per gli appassionati d’arte e gli utenti professionali che entrano nel mondo Linux. Si rivolge più alle specialità grafiche e audio, ma gli autori e produttori di pubblicazioni hanno un affidabile sistema operativo Linux per aggiungere gli strumenti necessari per completare il mozzo creatività.

Ubuntu Studio è una distribuzione Linux provato che è strettamente allineata con uno dei più riusciti Ubuntu spin-off release. Anche da una piattaforma informatica per gli utenti non creative, Ubuntu Studio può essere una buona scelta.

Robot Umanoidi

nasa-marsLa NASA iha annunciato di aver assegnato un robot umanoide R5 ad ogni al MIT e Northeastern University per condurre una ricerca su di loro, sul loro nello spazio. Le università sono stati selezionati dall’Advanced Research Projects Agency Robotics della difesa degli Stati Uniti. La selezione è avvenuta nel mese di giugno. Ogni squadra riceverà fino a $ 250.000 all’anno per due anni. Inoltre riceveranno supporto tecnico da parte della NASA.

Non hai tempo per rispondere alle email? Lo farà Google

gmailGoogle questa settimana ha presentato Smart Reply per Gmail su iOS e Android. Esso utilizza l’intelligenza delle macchine e le reti neurali per proporre fino a tre risposte possibili per la posta in entrata, in base al contenuto di tali messaggi di posta elettronica. Il sistema apprende dalle risposte degli utenti e le usa come suggerimenti per mettere a punto la propria offerta. Smart Reply sarà disponibile in inglese in Google Play e App Store di Apple.

Google Maps funzionerà anche in una landa desolata

google-mapsGoogle  ha iniziato a distribuire la modalità offline per Google Maps. Gli utenti possono scaricare una mappa regionale – dire, una città, contea o paese – o toccando “download” su un risultato di ricerca o andando a “non in linea Aree” nel menu di Google Maps e toccando il pulsante “+”. La mappa scaricata funzionerà in modalità offline automaticamente quando l’utente entra in una zona con scarsa o nessuna connettività.

Telegram chiude 78 canali privati dell’ISIS

Il team ctelegramhe sta dietro l’applicazione di messaggistica sicura Telegram ,Mercoledì scorso ha riferito di aver chiuso 78 canali, in 12 lingue, utilizzati da ISIS e dei suoi sostenitori. Tuttavia, i canali utilizzati privatamente della app non sono stati colpiti dalla sweep. Dopo gli attacchi a Parigi lo scorso fine settimana, la squadra telegramma appreso che il gruppo terroristico era stato comunicando apertamente sulla sua piattaforma di messaggistica sicura.

UHD TV – Qual è il danno?

uhdProduttori di TV potrebbero avere una buona stagione di festa, e i bei tempi probabilmente continueranno fino al 2019.

Le vendite di 4K o Ultra alta definizione televisori supererà 330 milioni di unità entro la fine del 2019 – un forte aumento dal 2 milioni vendute nel 2013, secondo i dati diffusi il mese scorso da Parks Associates.

Tuttavia, mentre il prezzo di questi apparecchi è fortemente diminuita e probabilmente continuerà a scendere, un rapporto pubblicato questo mese dal Natural Resources Defense Council ha sostenuto che i nuovi modelli UHD usano in media il 30 per cento in più di energia rispetto ai loro predecessori HD.

Il gruppo, che è stata fondata nel 1970, ha suggerito che questa maggiore uso di energia potrebbe aggiungere un totale di US $ 1 miliardo a bollette annuali degli Stati Uniti degli spettatori.

Stesso formato, più potenza

I consumatori molto probabilmente compreranno modelli UHD su televisori ad alta definizione regolari quando si tratta di schermo da 36 pollici o più grandi, secondo il rapporto del NRDC “Big Picture”.

UHD, spesso indicato come 4K, offre quattro volte la risoluzione di HDTV, con circa 4000 pixel sul piano orizzontale. Con questa risoluzione superiore potrebbe venire più il consumo di energia.

“In generale, l’uso di energia TV aumenta con la dimensione dello schermo”, ha detto Noah Horowitz, direttore del Centro di NRDC per l’efficienza energetica.

“La combinazione di spostare alle TV UHD, insieme con schermi di dimensioni sempre più grandi, ha il potenziale per aumentare in modo significativo l’utilizzo energetico nazionale TV,” ha detto TechNewsWorld. “Ecco perché speriamo che la nostra relazione serve da catalizzatore per i produttori di TV per inserire ulteriormente l’attenzione sul miglioramento dell’efficienza energetica dei televisori UHD produrranno”.

Aumento dei costi

La maggior parte dei consumatori non fattore di consumo energetico di un televisore al momento di decidere quale modello acquistare, ha detto Horowitz.

Per questo motivo, possono avere un momento difficile dicendo se il modello è un “maiale energia reale o un modello molto efficiente”, ha aggiunto.

“Per aiutare a informare le loro decisioni, i consumatori dovrebbero guardare l’etichetta EnergyGuide gialla e vedere come i televisori che stanno considerando confrontano tra loro in termini di costi operativi annuali,” suggerì Horowitz.

Poiché televisori non vengono sostituiti su base annuale e può durare 10 anni o più, i risparmi in costi elettrici potrebbero essere significativi.

“L’altro consiglio che diamo ai consumatori è quello di acquistare un modello che ha il logo Energy Star su di esso”, Horowitz ha aggiunto. “In questo modo si può essere certi che stanno comprando uno dei modelli più efficienti sul mercato.”

Chiede per il cambiamento

Il NRDC, non ha limitato i suoi sforzi per educare i consumatori. Il gruppo ha chiesto al Dipartimento di Energia per aggiornare il metodo di prova televisiva federale come un modo per riflettere meglio le condizioni che possono esistere in uso effettivo del consumatore.

Ha anche suggerito che la Federal Trade Commission stabilire una versione centralizzata linea dell’etichetta EnergyGuide obbligatoria con informazioni più up-to-date comparativa che è elencato ora.

Questi sforzi aiuterebbe educare i consumatori sui costi di gestione ciclo di vita di 10 anni e contribuire a motivare gli acquirenti a scegliere modelli più efficienti, secondo il NRDC.

Tuttavia, dato che il passaggio dai modelli a tubo a raggi catodici grandi ai set a schermo piatto – soprattutto LCD e modelli LED – il consumo di energia è andato giù.

UHD “TV fanno usare più energia” di televisori ad alta definizione standard “, ma ancora inferiore televisori usati per”, ha detto Joel Espelien, analista senior di The Diffusion Group.

“Si tratta di una specie di nonissue al momento come i costi energetici sono anche giù”, ha detto TechNewsWorld.

Mele e Arance

Consumo di energia su televisori HDTV di oggi è in realtà molto meno di quelle serie ingombranti di 15 o 20 anni fa.

“Nei giorni di gloria della CRT set, … [un] 27 pollici set usato un sacco di energia”, ha detto consulente del settore dell’elettronica di consumo Michael Heiss.

Un tubo catodico da 24 pollici dovrebbe utilizzare circa 120 chilowattora, mentre un set a LED da 50 pollici dovrebbe utilizzare solo circa 100 kwh, uno studio condotto da EnergyUseCalculator.com trovato. La cattura con i set UHD non è solo la più grande risoluzione, è la dimensione.

“E ‘vero che come insiemi diventano più grandi, più energia si userà,”, ha detto Heiss TechNewsWorld. “Ma davvero non si può incolpare i produttori TV.”

Tuttavia, ogni generazione di televisori tende a ottenere più efficiente rispetto ai modelli precedenti, ha aggiunto.

“Se si prende questo rapporto al valore nominale, può essere vero, ma il consumo di energia non è un numero statica”, ha sottolineato Heiss.

Non il più grande energia Hog

Un altro fattore da considerare è che la maggior parte dei consumatori non utilizzano TV tutto il giorno, a differenza di molti altri dispositivi che utilizzano tanto o ancora più potenza.

“Questo è davvero un rap ingiusto”, ha dichiarato Paul Gagnon, direttore della ricerca presso IHS TV Technology.

“La differenza di potenza tra dimensioni simili HD set UHD è di circa il 25 per cento, ma che in realtà è paragonabile ad una lampadina da 60 watt, quindi in termini relativi, che non è una grande quantità di potere”, ha detto TechNewsWorld.

“Si tratta di meno energia di un computer portatile o in particolare un frigorifero, e quest’ultimo corre tutto il giorno”, ha aggiunto Gagnon.

Piccolo Mercato

L’altro fattore è che la figura 1000000000 $ NRDC citato sarebbe esatto solo se tutti i 300 milioni di televisori ad alta definizione e la nazione sono state sostituite da modelli UHD.

“La nostra previsione mostra 6 milioni di apparecchi UHD di vendere questo anno in un mercato di 42 milioni di unità, per cui è in crescita, ma non è vicino”, ha detto Gagnon.

“Noi non vediamo un punto in cui ogni piatto è sostituita da un insieme UHD, e siamo da nessuna parte vicino al 100 per cento dei televisori americani mai essere tutte UHDs”, ha aggiunto.

I prezzi per i set probabilmente cadrà e stimolare le vendite questa stagione di festa.

“Compra il miglior set si può permettere e godere,” suggerì Heiss. “Ci sono un sacco di altri modi per risparmiare energia.”

Instagram nuova funzione multi account

fotogramme-325x337Instagram ha da poco introdotto la funzione multi account. Una volta che sono stati aggiunti altri account, è davvero facile passare da uno all’altro. Alcuni di voi si potrebbere chiedere perché qualcuno avrebbe bisogno di supportare più account su Instagram e la risposta è semplice. Potremmo per esempio gestire ogni account per foto che riguardan argomenti diversi. Ci sono un sacco di motivi per avere più account. I principi fondamentali per la gestione di più account su Instagram sono i seguenti. Una volta effettuato l’accesso, accedi al tuo profilo e apri il menu delle impostazioni. Proprio in fondo alla lista delle impostazioni, si vedrà l’opzione “Aggiungi account”. Tocca e digitare le credenziali per l’account secondario o terzo o quarto. Dopo aver aggiunto altri account, è possibile aggiungere rapidamente più o saltare tra loro tutto nella pagina del profilo attraverso un menu a discesa in alto a sinistra, dove si trova il nome dell’account.